10e CHAMBRE – INSTANTS D’AUDIENCE [SubESP]

 

Titolo originale: 10e chambre, instants d’audience
Paese di produzione: Francia
Anno: 2004
Durata: 105 min.
Genere: Documentario
Regia:

 

Essenziale, diretto, scarnificato fino all’estremo eppure magnetico e lucidissimo. Questo, in poche parole, il film 10 Chambre Instants d’Audiences con cui e’ presente Fuori Concorso a Cannes.

In un tribunale si susseguono cause brevi, si ascoltano le ragioni di chi e’ stato chiamato a rendere conto delle proprie azioni (in genere si tratta di guida in stato di ebbrezza, detenzione di armi, irregolare, truffa, furto…) e si ascoltano le sentenze del giudice.

Il ritmo e’ costante e incalzante, la tensione cresce mentre il film si arricchisce di ulteriori dettagli. Non ci sono altro che primi piani a formare una galleria di personaggi tipici, di frasi che ci si aspetta di sentire, sentite mille volte, non troppo sincere, ne’ mai del tutto false. Osservare i fatti che si consumano semplicemente e’ l’assunto di partenza di questo film, apparentemente senza interventi e, invece, a ben guardare, ci si rende conto di come il montaggio possa, da solo, incidere nella determinazione e nel racconto di un evento. Questione di un frammento in più o in meno, pochi secondi che aggiunti o sottratti, potrebbero fare la differenza. Depardon è maestro di misura e di interpretazione, il con i limiti della fotografia e la fissità con tutti i vantaggi del tempo lento per trasformare la realtà in una sorta di messa in scena, riuscendo a passare attraverso tutti i generi del cinema. C’e’ la commedia delle frasi fatte, c’e’ la tensione di chi si aggrappa ad un filo di disperazione, c’e’ la fatalità dello “stare a vedere”, come fosse un voyeur della sua stessa vita, paradossalmente osservata da uno sguardo attento e capace di captare la realtà e di metterla in scena con un semplice, elementare gesto. Non si può parlare di documentario, non ci sono da svelare o da amplificare, soltanto storie che nel raccontarsi, riescono a offrire un quadro ben più ampio e articolato, che fanno intravedere il mondo in cui vive ciascuno, lasciando immaginare le che percorreranno per tornare a casa, i frammenti di un prima e di un dopo ripetitivo e triste. Sembra di vederli i vicoli in cui si muove lo spacciatore, la dell’immigrato con moglie e figli, la del rappresentate, e si scopre di assistere ad attimi privati, intimi della vita di qualcuno, sconosciuto che entra per un nel nostro sguardo e poi scompare con la delicata discrezione di cui Depardon e’ maestro.

Guarda anche  LUMIERE AND COMPANY [SubITA]

sentieriselvaggi.it

Spread the love

Related posts

By Anam

I'm A Fucking Dreamer man !

Related Posts