A ZED & TWO NOUGHTS [SubITA] 🇬🇧 🇳🇱

Titolo originale: A Zed & Two Noughts
Paese di produzione: UK, Olanda
Anno: 1985
Durata: 175 min.
Genere: Commedia, Drammatico, Visionario, Sperimentale
Regia:

 

Gemelli siamesi separati alla nascita, gli etologi Oswald e Oliver Deuce (Brian Deacon e Eric Deacon) si lasciano sedurre da Alba (Andréa Ferréol) e iniziano con lei un’esperienza autodistruttiva in nome dell’ e della . La , sopravvissuta allo strambo incidente stradale causato da un cigno scappato dallo zoo di Rotterdam in cui persero la le mogli di Oswald e Oliver, ma priva di una gamba, diventa un disturbato oggetto del per entrambi. L’aberrante ménage à trois sfocerà in un rituale di nascita e morte.

Cerebrale, affascinante, scientifico, funereo, asettico, sperimentale. Il terzo lungometraggio di è una pellicola estrema che indaga con rigore enciclopedico l’ del regista gallese per la simmetria, la duplicazione, i richiami ipertestuali, il mondo animale, il tempo che decompone e distrugge, gli intervalli finiti, la modernità (i ), la ciclicità dell’evoluzione e la ripetitività del processo artistico (suggerito anche dalla ), la morte. Attraverso un linguaggio che destruttura i codici del classico, a partire dalla totale assenza di empatia per i personaggi, il rifiuto dello storytelling e l’annullamento del ruolo dell’attore, il film diventa un’opera d’ concettuale, affastellata di simboli, rimandi mitologici e pittorici (Vermeer, i gelidi ritratti dei corpi nudi, le nature morte) e richiami all’organizzazione dello spazio in termini di idee matematiche. Perché, dopotutto, persino gli iconoclasti esistono solo in rapporto a ciò che distruggono. Una esperienza visiva faticosa ma unica, in cui lo spettatore è forzato ad assimilare le suggestioni visive e teoriche attraverso un processo mentale anti-surrealista che interseca , , , fotografia e pittura. «Penso che i film, così come ogni lavoro artistico, dovrebbero essere fatti in modo da essere visibili all’infinito» (). Il titolo originale allude alla parola “zoo”, ma anche ai nomi dei due protagonisti. Sublime nello studio prospettico e simmetrico dell’immagine, grazie anche all’eccellente lavoro di Sacha Vierny, storico direttore della fotografia di qui alla sua prima collaborazione con Greenaway. Musiche di Michael Nyman.

Guarda anche  ASPARAGUS 🇺🇸

longtake.it

Spread the love

Related posts

By Anam

I'm A Fucking Dreamer man !

Related Posts