AS MIL E UMA NOITES [SubITA]

Titolo originale: As Mil e uma Noites
Nazionalità: Francia, Germania, Portogallo, Svizzera
Anno: 2015
Genere: Avventura, Drammatico
Durata: 382 min.
Regia: Miguel Gomes

Il film, come specificato nei titoli di apertura, ripercorre la struttura del celebre romanzo, raccontando però vicende ambientate in nell’arco temporale di un anno, tra Agosto 2013 e Luglio 2014, quando il Paese e il Governo finirono sotto l’occhio della Troika che impose l’applicazione di pesanti politiche di austerità.

Il dissenso della narrazione: sei ore e 20 minuti suddivisi in tre volumi per affermare l’unico dominio che resta alla libertà del dire, ovvero la nelle anse di racconto che rimanda la fine del tempo, parcellizza la durata dell’esistere nella verità del resistere… Il gesto è politico, l’imprinting militante, ma trattasi di Miguel Gomes, uno che infondo sa bene di ritrovarsi la faccia che si merita, sicché lo scarto logico sta tutto nell’ironia del controsenso offerto da un narrare tutt’altro che funzionale alla logica dei presupposti… Il progetto As mil e uma noites ha qualcosa di titanico, ma non per la sua durata, quanto per lo sforzo – pienamente riuscito – di annullare quella durata nella sostanza di una affabulazione pura e semplice del presente; nell’irridere all’istituto centrale della narrazione. Miguel Gomes, ancora e sempre, libera con gesto politico il cinema dalla logica della narrazione, dalla scansione tra realtà, affabulazione, filmare, mettere in scena… La scende sul impoverito da un’Europa imperiosa e pretenziosa che toglie al popolo il potere e Miguel Gomes mette il suo personale garofano nei fucili della grande finanza internazionale, attraversando quella nel dissenso del narrare e nella libertà del filmare. Non lo conoscessimo, penseremmo che l’atto corrisponde alle intenzioni, ma l’autore di A cara que merece, Aquele querido mês de agosto e Tabu non può che irridere il senso stesso di questo dissenso, contraddicendo l’intenzione del narrare nella gioia irrazionale della sua articolazione dissociata.

Guarda anche  ANGELS WEAR WHITE [SubITA]

Eccolo allora Miguel Gomes fuggire dal set a gambe levate, lasciare il campo al racconto dei racconti, alla bella Schéhérazade, l’incantatrice per eccellenza dell’eccellente re che vorrebbe scannarla. Storia dopo storia si incede da “L’inquieto” (primo volume, 2h05’) al “Desolato” (secondo volume, 2h11’), sino a “L’incantato” (terzo volume, 2h05’): un intreccio di contemporanee e mille notti arabiche, che giocano con iconografie e mitologie di ieri e di oggi, in un intreccio che sostiene il susseguirsi di narrazioni a gioco libero che ben conosciamo nel cinema in gomesiano. Sfotte il sistema pubblico portoghese con tanto di primo ministro e cortigiani ministeriali in surreale (bunuelliano…) simposio con i signori della Troika europea; inumidisce di lacrime gli occhi di una povera giudice, incapace di districarsi tra colpevoli e innocenti in un processo che si traduce in un vero e proprio gioco a domino di testimoni; si dà alla macchia assieme a un fuggiasco che vive in selvaggia libertà, inseguito dalle guardie e temuto e aiutato dal le mille e una nottepopolo; segue il destino di una cagnetta senza padroni, che passa di mano tra i dolci e disgraziati abitanti di un caseggiato popolare (due coniugi vecchi e serenamente tristi, due giovani squatter…); gioca con la stessa Schéhérazade in una prospettiva di affabulatoria di cui si fa complice un adonico traduttore brasiliano; infine si concede al canto degli di un gruppo di appassionati allevatori, omoni dall’aspetto anche rude che però passano il loro ad accudire amorevolmente e ascoltare attentamente fringuelli e usignoli, in un delirio sonoro di francescana (o chissà magari rosselliniana…), che Gomes è tanto folle da offrirci in dono per quasi due ore…

Guarda anche  MORGIANA [SubITA]

Ecco, siamo esattamente in questa d’amore, in una simile astrazione del senso del racconto che si concede a un narrare in radicale libertà e sostanziale ribellione. As mil e uma noites discute il cinema e lo dischiude all’inversione fondamentale (quindi “politica”) del suo istituto: piuttosto che essere l’usignolo dell’imperatore, Miguel Gomes preferisce fare dell’usignolo l’imperatore…

Recensione: sentieriselvaggi.it

Spread the love

Related posts

By Francesca R.

Related Posts