FEHERLOFIA [SubITA]

Titolo originale: Fehérlófia
Paese di produzione: Ungheria
Anno: 1981
Durata: 86 min.
Genere: Animazione, Avventura, Fantastico, Sperimentale, Visionario
Regia:

Il giovane ed impavido Fehérlófia, figlio terzogenito di una cavalla bianca, intraprende un eroico per porre fine al predominio dei draghi malvagi che hanno preso governo sul mondo.

Nel 1910 Antti Amatus Aarne pubblicò The Types of the Folktale, in cui propose un sistema di classificazione delle fiabe basato su un “indice dei tipi”, ovvero su un catalogo numerato che raccogliesse tutte le trame standard delle fiabe.

(http://www.labirintoermetico.com/03Fiabe/classificazione_fiabe_secondo_indice_aarne_thompson.htm)

Da wikipedia:
Secondo la studiosa Ágnes Kovács, il racconto appartiene al tipo AaTh 301B, “L’uomo forte e i suoi compagni”. Ha anche affermato che Fehérlófia era “uno dei racconti ungheresi più popolari”, con più di 50 varianti. Un sul campo condotto nel 1999 dal ricercatore Zoltán Vasvári tra la popolazione di Palóc ha trovato 4 varianti del tipo di racconto.

Gli studiosi vedono anche una notevole antichità nel racconto.

Per quanto riguarda il sul dorso di un uccello gigante (un’aquila o un grifone), gli studiosi di riconoscono le sue somiglianze con il racconto di Etana che aiuta un’aquila, un tipo di racconto poi classificato secondo Aarne-Thompson-Uther ATU 537, “L’aquila come aiutante: eroe portato sulle ali di un’aquila utile”.

In un altro racconto dello stesso tipo, AaTh 301B (“L’uomo forte e i suoi compagni”), chiamato Jean de l’Ours, l’eroe nasce da una donna umana e un orso. La donna umana a volte si perde nel bosco e l’animale la trova, oppure viene portata dall’animale nella sua tana. In una seconda variante, l’eroe è generato da un leone ed è chiamato Löwensohn (“Il figlio del leone”).

Guarda anche  GOLDEN EXITS [SubITA]

Il professor Michael Meraklis ha citato che l’episodio di un leone o di un orso che ruba una donna umana e l’eroe nato da questa “sistemazione vivente” deve preservare “la forma originale del racconto”, poiché si rifà alla nozione antica e primitiva che gli uomini e gli potevano interagire liberamente in un mitico condiviso.

Nel racconto ungherese, tuttavia, il è sconosciuto, e la parentela non umana è attribuita a un animale femmina (la cavalla bianca). Questa fantastica potrebbe essere spiegata dal fatto che il personaggio di Fehérlófia era “originariamente un antenato animale totem”. Questa idea sembra supportata dall’esistenza di altri racconti ungheresi con un eroe nato da un cavallo o da una giumenta (come Lófia Jankó e Lófi Jankó) – un tratto condiviso anche dai racconti turchi e chuvash – e l’esistenza di popoli che rivendicano la discendenza da un mitico antenato equino. Una conclusione simile è stata raggiunta per quanto riguarda l’eroe nato dagli dei racconti popolari russi: l’eroe “nato magicamente da un totem” rappresenta “il più antico tipo di personaggio”.

Guarda anche  HAPPY END [SubITA]

Lo studio del professor Mihály Hoppál (de), intitolato Feherlófia, ha trovato “paralleli orientali” al racconto attraverso le steppe eurasiatiche, nei mongoli e nei popoli turchi dell’Asia interna e nel kirghiso (in particolare, l’epica Er Töstük). Inoltre, secondo lui, il racconto di Fehérlófia non ha paralleli in , ma appartiene a un gruppo selezionato di tipi di racconti condivisi dall’Ungheria e da altri popoli asiatici. In un altro articolo, afferma che il tipo “può essere rintracciato fino all’Estremo Oriente (compresi i popoli Yugur, Daur, mongoli e turchi dell’Asia centrale)”.

Sulla stessa linea, il professor Tünde Tancz afferma che il tipo “appartiene all’area fiabesca dell’Asia occidentale”, una regione che comprende “il repertorio dei popoli ugro-finnici e molti popoli turchi”.

Sono stati anche argomentati parallelismi tra la Fehérlófia e un racconto asiatico della raccolta di Vetala (nota anche come Il ciclo del stregato). Il racconto in questione, Come fu ucciso lo Schimnu-Khan, è di provenienza tibetana o mongola e riguarda un giovane di nome Massang “dalla testa di toro”.[b] L’unica mucca di un povero uomo dà alla luce un ibrido metà uomo e metà mucca e il suo proprietario è inorridito dalla creatura. L’uomo-mucca, ricevendo clemenza, fugge dal vecchio ed entra nel mondo. Il giovane incontra un “uomo di colore nero (…) nato dai boschi scuri”, un “uomo di colore verde (…) nato dai prati verdi” e un “uomo di colore bianco (…) nato dalla roccia di cristallo” e il quartetto si trasferisce presto in una dimora che domina una collina. A turno cucinano il mentre gli altri raccolgono la selvaggina nelle vicinanze. Un giorno, una piccola vecchia appare e picchia i tre compagni per rubare il loro (“latte e carne”, come dice la ). Il quarto giorno, Massang vede la piccola vecchia e combatte la forza con la creatura. Dopo tre prove, la piccola donna fugge e lascia una scia di sangue che i quattro eroi devono seguire. Presto arrivano a un’apertura nella roccia; in basso, il della strega è sparso vicino a mucchi e mucchi di tesori. Massang scende per portare il tesoro ai suoi compagni, ma questi lo tradiscono e lo lasciano per morto nel pozzo. Massang dorme sul della strega – per anni – e quando si sveglia, sono spuntati tre alberi di ciliegio, che usa per salire in superficie. Va a trovare i suoi infidi compagni e scopre che si sono fatti una con il tesoro della strega, ma pregano Massang di risparmiarli.

Guarda anche  LAKE MICHIGAN MONSTER [SubITA]

Spread the love

Related posts

Related Posts