LIMBO [SubITA]

Titolo originale: Limbo
Paese di produzione: Hong Kong
Anno:
Durata: 118 min.
Genere: Drammatico
Regia: Soi Cheang

Un serial killer si muove indisturbato per le vie di Hong Kong. Sotto pressione, la polizia richiama in servizio il veterano Jin e gli assegna il da risolvere in coppia con il novellino Kai. Tuttavia, il passato di Jin torna a tormentarlo quando incontra Tao, la ragazza che gli ha ucciso moglie e figlio in un incidente. Per riscattarsi, Tao si offre volontaria per lavorare sul ma Jin non riesce a controllare l’odio che nutre verso colei che gli ha distrutto per sempre la vita.

Che fine ha fatto Hong Kong, ci chiediamo ogni tanto, tra una visione e l’altra. Quel cinema straordinario, ibrido, inclassificabile, sempre sospeso tra l’astrazione e la concretezza, la leggerezza e la densità, il corpo e l’assenza di gravità. I grandi vecchi navigano a vista, fanno fatica o tacciono. Mentre le straordinarie folgorazioni degli scorsi decenni sembrano essersi smarrite nel dominio delle produzioni cinesi. E, forse, viene da pensare, il cinema di Hong Kong più autentico, oggi, sta nelle immagini dei sistemi di videosorveglianza o nelle sequenze “rubate”, quelle che sfuggono ai controlli, ai blocchi e alle censure, tra mascherine di protesta e di pandemia. Qualcosa di “prodotto” arriva ancora, come Limbo, ma già il titolo sembra dare l’ di una situazione di stallo, sospesa, una bolla soffocante da cui è difficile venire fuori. Del resto c’è sempre lo zampino cinese.

Guarda anche  BIG BAD WOLVES [SubITA]

Soi Cheang, dopo le parentesi di The Monkey King, torna al cinema thriller, quindi, in apparenza, a forme e formule collaudate. E, quindi, in un certo senso, persino innocue. Ma tra le righe, puoi leggere echi del presente, un’inquietudine difficilmente contenibile.
Stavolta la precisione di e “di programma”, quella che era al centro di Accident, cede il passo allo scavo del delirio, alla di una coazione a ripetere, alla vertigine della violenza. E tutto si traduce in una forma che muta a ogni istante, nella frenesia ossimorica di momenti action che si congelano in sdoppiamenti, ralenti, epifanie e stati di sospensione.

Soi Cheang riscopre ancora una volta l’antica ossessione hongkonghese, da One-Armed Swordsman in poi, per l’arto mozzato, per il corpo ferito, smembrato dai cut di montaggio. E fa di Wong To il personaggio centrale, simbolico, una specie di punchball umano, vessato e perseguitato da tutti. Polizia compresa. E non è certo un che sia proprio lei a indossare l’unica mascherina che si vede nel film. Stretta nella morsa, ma resistente. E se le dinamiche del thriller rimangono convenzionali e la forma appare estetizzante, resta negli occhi la visione, quasi “terminale”, di una città alla deriva, sporca, disperata. Una metropoli di rifiuti e macerie, di tutto ciò che resta lì buttato dopo un disastro o un inferno. Un mondo privato quasi di ogni forza vitale, smunto nel bianco e nero delle immagini.

Guarda anche  THE WANTING MARE [SubITA]

sentieriselvaggi.it

Spread the love

Related posts

By Anam

I'm A Fucking Dreamer man !

Related Posts