PSYCHOKINESIS [SubITA] 🇰🇷

Titolo originale: Yeom-lyeok
Nazionalità: Corea del Sud
Anno: 2018
Genere: Azione, Commedia, Fantastico
Durata: 101 min.
Regia: Yeon Sang-ho

Dopo aver acquisito poteri soprannaturali, un s’impegna per aiutare la figlia, con cui non ha più contatti da tempo, a non perdere tutto ciò per cui ha vissuto.

Il cinema è un treno, il treno è cinema, da sempre. Anche in Corea. Il viaggio su rotaie di Bong Joon-ho (Snowpiercer) si è fermato al primo binario della stazione della streaming queen Netflix, per consegnare al capostazione marpione un prodotto per grandi e piccini come Okja, che comunque confermava, senza se e senza ma, la anticapitalistica del (grande) cinema di Bong. Al binario due, con quasi un anno di fisiologico ritardo, è arrivato un altro treno, guidato da Yeon Sang-ho e proveniente da Busan. Un treno carico di morti viventi e vivi morenti, famiglie di fatto impegnate a combattere capitalisti (spietati e affamati di denaro come tanti strigoi), chè l’istinto di straccia in un attimo ogni contratto sociale – comunque precario – e il più infame avrebbe sempre la meglio se non fosse per lei: la cara, eterna, necessariamente coniugata al femminile, lotta di classe. E allora Yeon ha viaggiato su binari paralleli a quelli di Bong, consegnando al solito capostazione un prodotto per grandi e piccini, addirittura un film di supereroi. Una origin story, nientemeno. Farcita di commedia e sentimenti, risate ed effetti speciali. Non fate quelle facce inorridite, non siamo a Hollywood. Qui il supereroe non si sogna nemmeno di salvare il mondo o farsi cucire un costume, non è per niente affascinante e prende coscienza dei suoi poteri – la telecinesi – con un processo realistico e spontaneo lontanissimo dai canoni Marvel e vicino semmai ai desideri di Massimo Troisi in Ricomincio da Tre. Psychokinesis.

Guarda anche  ARCANA

Il 20 gennaio del 2009 40 inquilini sfrattati – precedentemente assaliti e picchiati ripetutamente da una combriccola di guardie private e malavitosi pagati dalle imprese edilizie – salirono sul tetto di un edificio a Yongsan, nel centro di Seoul, per protestare contro l’elemosina concessa in cambio delle loro case e dei loro negozi, in vista della “riqualificazione” del quartiere. La polizia antisommossa piombò sul posto prima dell’alba, e durante gli scontri divampò un incendio. Un raid disastroso: decine di feriti gravi, cinque sfrattati e un poliziotto morti, pesantissime conseguenze giuridiche per molti dei manifestanti. Un episodio emblematico, in grado di raccontare molto delle politiche liberiste e (anti)sociali dei governi sudcoreani, e della ovvia e conseguente brutalità della polizia, necessario ed eterno braccio armato del potere. Lotta di classe, tanto per cambiare. Più a sinistra di Train to Busan, e degli anime Seoul Station, King of Pigs e The Fake, Psychokinesis è il film più politico di Yeon Sang-ho, con la rievocazione evidente del disastro di Yongsan che è il cuore pulsante dell’opera.

Guarda anche  THE RESURRECTION OF A BASTARD [SubITA] 🇳🇱

Seok-heon lavora in banca, ma non è un cassiere o un dirigente. Non tocca i soldi, fa la guardia e il portiere. Lo vediamo affannarsi ad accogliere un pezzo grosso all’ingresso, inchinandosi fino a piegarsi in due. Lo vediamo anche, magra consolazione, imboscare decine di bustine di caffè solubile. E’ un uomo comune vicino alla cinquantina, senza appeal o talenti particolari. Ha lasciato da anni moglie e figlia, anche – o forse soltanto – perchè non guadagnava abbastanza per garantire alla sua famiglia una vita dignitosa. Ed è proprio lui il fortunato, il prescelto, l’eletto. Il supereroe coreano. Che sarà chiamato all’azione da quel che resta della sua famiglia, impegnata a resistere con ogni mezzo necessario allo strapotere delle imprese edilizie, dei loro scagnozzi e dei loro ricchissimi e spietati burattinai.

Guarda anche  ELECTRIC DRAGON 80.000 V [SubITA]

Volano oggetti, automobili, persone. Volano che è una bellezza. Si ride a crepapelle, ci si commuove, e si rabbrividisce alla vista e al dei manganelli sbattuti ritmicamente sugli scudi: il torna sempre a Genova 2001. Ci sarebbe voluto anche lì un supereroe.

Dopo un passaggio nelle cinematografiche coreane (addirittura in formato ScreenX!!) Psychokinesis arriverà in tutto il mondo grazie a Netflix. Niente cinema per noi, quindi (sai che novità!), ancora una volta sarà il piccolo schermo a contenere, a stento, un grande film.

Recensione: dikotomiko.wordpress.com

Spread the love

Related posts

By Anam

I'm A Fucking Dreamer man !

Related Posts