TICKET OF NO RETURN [SubITA]

Titolo originale: Bildnis einer Trinkerin
Paese di produzione: Germania
Anno: 1979
Durata: 108 min.
Genere: Drammatico
Regia:

Una sola in pubblico sembra provocare speculazioni non richieste. Perché è sola? Cosa sta facendo? Pensi che sia single? Vorrebbe compagnia? Se poi metti un drink in mano a quella e la vesti con un vestito da urlo, la curiosità della non fa che aumentare. Questa è la premessa del film della New Wave tedesca del 1979 Ticket of No Return (Bildnis einer Trinkerin), in cui la protagonista, interpretata da Tabea Blumenschein ma chiamata solo “Lei”, compra un biglietto di sola andata per Berlino Ovest per inseguire il della sua : vivere da ubriaca.

Guarda anche  THE ART OF SELF-DEFENSE [SubITA]

Non appena “Lei” atterra all’aeroporto di Berlino dalla Francia, incontriamo il coro di commentatori che la seguono per tutto il film, giustamente chiamati: “Questione sociale”, “Statistiche accurate” e “Senso comune”. Il trio di donne commenta l’abitudine al dell’ secondo i loro nomi: una pone una domanda sul , mentre la successiva snocciola statistiche e l’ultima mette in relazione le informazioni con la saggezza pratica. Mentre si discute di tutto, dal rischio di alcolismo per le donne oltre i 40 anni, alla correlazione tra l’eccesso di e la mancanza di una relazione, così come ciò che costituisce il binge drinking, nessuno di questi fatti sembra sfiorare la protagonista mentre si fa strada attraverso diversi luoghi indossando un assortimento di cappelli, abiti colorati, guanti lunghi e eyeliner drammatico.

Guarda anche  IMPETIGORE [SubITA] 🇮🇩

Oltre a toccare le implicazioni sociali dell’essere una non accompagnata in città, Ticket of No Return scava nella del per vendere . Guarda alla promessa di astratti come l’armonia, l’, la sicurezza, il successo, la superiorità e l’esclusività che le marche di implicano nella loro messaggistica, ma che sono incapaci di mantenere.

“Non dimenticare mai che l’esotico è lontano, ma il tuo drink è vicino”

Spread the love

Related posts

Related Posts