TOKYO DRIFTER (SubITA)

Titolo originale: Tôkyô nagaremono
Paese di produzione: Giappone
Anno: 1966
Durata: 89 min.
Genere: Azione, Drammatico
Regia:

Dopo essersi convertiti alla legalità, il vecchio boss Kurata (Ryūji Kita) e l’ex Tetsu (Tetsuya Watari) si trovano a fare i conti con il clan di Otsuka, deciso a impadronirsi a ogni costo della loro nuova attività. Quando in uno scontro a fuoco perde accidentalmente la una , Tetsu decide di coprire il suo boss e partire per il del paese. I sicari del clan Otsuka non lo lasceranno andar via tanto facilmente.

Giunto ormai a un passo dalla rottura con la Nikkatsu, prosegue nel suo personale percorso di all’interno dei generi e, ribaltando a suo favore la punitiva riduzione del budget a disposizione, porta a definitivo compimento il processo di destrutturazione dello -eiga (i film sulla mafia giapponese) iniziato tre anni prima con La giovinezza di una belva umana (1963). In questo senso la blanda sceneggiatura di Kōhan Kawauchi – un dozzinale intreccio gangsteristico a base di azione, e tradimenti – si presta perfettamente al gioco del regista che, muovendosi in un territorio codificato e ben familiare al suo pubblico, accentua fino al parossismo gli stereotipi del genere e imbastisce con abilità una pellicola in bilico fra l’elegia e la parodia. Si sviluppa così, sulle note di una malinconica canzone interpretata dallo stesso Tetsuya Watari, un racconto frammentato ed ellittico, che mescola i generi più disparati (dal al melodramma, passando per il western e il musical) e procede tortuosamente fra improvvisi scoppi di , struggenti sospensioni narrative e repentini cambi di direzione. Facendo dell’antinaturalismo la sua bandiera, Suzuki allestisce una messa in scena e psichedelica destinata a influenzare numerosi registi a venire, non ultimo Quentin Tarantino per il suo Kill Bill – Volume 1 (2003). Calati in una dimensione semi-, fra scenografie stilizzate, dinamiche paradossali e surreali geometrie di luci e colori, i personaggi si rivelano semplici pedine al servizio di una performance audace e nichilista.

Guarda anche  PISTOL OPERA [SubITA]

longtake.it

Spread the love

Related posts

By Anam

I'm A Fucking Dreamer man !

Related Posts