UNDERGODS [SubITA]

Titolo originale: Undergods
Paese di produzione: Uk, Belgio, Estonia, Serbia, Svezia
Anno: 2020
Durata: 92 min.
Genere: Thriller, Fantascienza, Visionario
Regia: Chino Moya

Il debutto straordinario del regista Chino Moya Undergods arriva questo fine settimana nei cinema e su VOD come un avvertimento profetico che saremo gli strumenti della nostra se ci rifiutiamo di combattere l’ascesa dell’autoritarismo, insieme alla crescente disuguaglianza e scarsità di risorse. Come The Platform di Netflix l’anno scorso, Undergods è una fiaba distopica perfettamente adatta all’era della pandemia.

Due uomini incrostati di sudiciume (Geza Rohrig, Johann Myers) si aggirano per un mondo in rovina, cacciando tra edifici in rovina che sporgono come denti rotti per far ammucchiare i cadaveri nel retro del loro camion. Ma questa non è solo la loro storia. Una striscia di mobius di racconti interconnessi si snoda nel e nello spazio, attraversando la barriera troppo porosa tra la e il caos che si nasconde al di sotto. Questo primo sorprendente film fonde fantascienza e fantasy per creare una visione del mondo che è allo stesso selvaggiamente grottesca e allarmante familiare.

Nominato per due British Independent Spirt Awards, Undergods è distribuito da Gravitas Ventures. I produttori includono la Scott Free Productions del regista Ridley Scott, responsabile di decenni di fantastici contenuti televisivi e cinematografici, tra cui la serie HBO della AMC Max Raised By Wolves e The Terror, e film come Alien: Covenant e The Martian.

Le mie recensioni sono generalmente il più possibile prive di punti della trama e potenziali dettagli di spoiler. Tuttavia, in questo caso, voglio analizzare cosa sta dicendo Undergods e cosa lo rende così affascinante da guardare, e con una produzione surreale come questa, è impossibile discutere senza esporre parte della storia e cosa la fa vibrare. Quindi eviterò sempre spoiler effettivi e dettagli specifici, fornendo comunque informazioni sulla struttura e sui ritmi tematici delle storie.

Queste sono storie di solitudine e , di opprimente decadenza sociale spirituale, di rubata e individualità perduta e di conseguenze fatali sia per i dominanti che per i dominati. È un mondo in cui il centro tiene a malapena mentre gira intorno a uno scarico. Lungo il perimetro si nascondono strane bande di forze dell’ordine che rispondono a un’autorità superiore (che si tratti dello stato, di un pagatore aziendale o di un o della lnon scritta post-apocalittica “sopravvivenza del più adatto”) che rapisce, schiavizza, uccide e cannibalizza chiunque sbagli Le persone raccontano storie, poi appaiono nelle storie raccontate dai personaggi nelle storie di altri personaggi, sovrapponendosi fino a quando la annidata si ripiega su se stessa .

Guarda anche  LA NOCHE DEL VIRGEN [SubITA]

Undergods parla di autoritarismo, capitalismo degradante e meccanismi di statale / sociale / personale – in particolare, si tratta della relazione tra queste cose mentre funzionano e che declinano e collassano.

Esiste una sorta di logica interna al mondo stesso e a ciascuna delle notizie, ma è logica del sogno e gran parte di essa non ha senso nel senso letterale del mondo reale. Non vengono forniti dettagli sul mondo, l’ora o persino il luogo precisi, a parte quei dettagli specificamente necessari per descrivere la vita.profilo personale di ogni personaggio.

Gran parte del paesaggio appare danneggiato da grandi bombardamenti e incendi, in modo simile a come potrebbe essere raffigurato il bordo esterno di una zona di esplosione nucleare. Gli edifici sono monoliti brutalisti di bietole e il cielo coperto e freddo ricorda l’inverno nucleare. La scarsità di cibo, lo spopolamento, l’estrema stratificazione di classe e gli schiavisti cannibali vaganti suggeriscono una società regressiva e repressiva che lotta per sopravvivere dopo una grave catastrofe.

La maggior parte dei personaggi che incontriamo proviene da storie di sogni raccontate da due tipi di carnefici che vagano per il paesaggio alla ricerca di cadaveri nelle strade (un altro segno che ha avuto luogo una drammatica calamità) massacrati nella società) e il rapimento dei vivi a scopo di schiavitù. Ma questi esecutori testamentari compaiono anche nei racconti raccontati dai personaggi.Queste sono le storie dei sogni dell’artista, quindi sono sognatori in un sogno?

Ogni storia parla di una travagliata con cui un estraneo (o semi-sconosciuto) interferisce e tenta di rubare una persona cara e distruggere la famiglia, provocando , slealtà e morte. In ogni caso, il privilegio e la presunzione della borghesia si confrontano con una diminuzione delle opportunità economiche e sociali, che si manifesta poi in una perdita di accesso ai propri diritti personali nelle mani di una classe inferiore che invade la vita delle persone borghese attraverso l’accesso presumibilmente tradizionale: un vicino bisognoso, un in cerca di un investitore, un ex detenuto che cerca di reintegrarsi nella società e di ricongiungersi con la sua famiglia. L’autoritarismo violento che mantiene i diritti di pochi a scapito del maggior numero di persone presto non riesce a tutelare pienamente i privilegiati, anzi li attacca perche la scarsità esaurisce tutti.in grado.

Guarda anche  DARK CITY [SubITA] 🇺🇸

Undergods si basa sull’idea che la società capitalista sfrutta i lavoratori e mantiene una società iniqua e ingiusta che porterà inevitabilmente all’ascesa degli sfruttati e dello stato che prende di mira tutti da cima a fondo, fino a ‘così che l’intero sistema viene mangiato vivo sia in senso figurato che letterale. In queste storie oniriche, le famiglie stesse rappresentano il più grande costrutto sociale del film e il invasivo dell ‘”ordine naturale” delle famiglie rispecchia quello del mondo che li circonda.

Ma Dipende molto di più delle sue basi socioeconomiche. Il film non riguarda l’affermazione delle premesse del capitalismo sfruttatore, ne funziona semplicemente come un per avvertirci di quanto siamo vicini al bordo del precipizio. Nello specifico, Undergods esamina come anche l’esistenza apparentemente banale di persone comuni all’interno del sistema rifletta la disuguaglianza e la scelta oggettiva dei partecipanti perr arricchirsi sfruttando qualcun altro. Per tutto il , tuttavia, si sentono vittime dell’invasione e dell’oppressione – e ovviamente lo sono, sia da coloro con cui potremmo simpatizzare sia da altri con cui non lo facciamo, e dallo Stato stesso.

Viste esattamente nel loro ristretto contesto, le storie potrebbero lasciarci con impressioni e simpatie diverse, se non fossimo consapevoli delnde più esteso che li circonda e il modo in cui è arrivato in quel modo. In effetti, il film mescola specificamente storie in cui il protagonista è quasi del tutto antipatico con storie in cui il protagonista sembra almeno riconoscibile e giustificato nella sua confusione e rabbia per ciò che vede come la propria vittimizzazione. Che avvengano intrusioni e inganni imperdonabili è innegabile, ma chi li commette e perche – e su chi si commettono e come – complica notevolmente le cose.

Guarda anche  LOS GORRIONES QUE COMIAN CARNE [SubITA]

Perche mentre le sfumature ei dettagli possono essere scambiati, i progetti rimangono fondamentalmente gli stessi e le cause profonde sottostanti e i risultati attesi sono tutti a posto. Sebbene esistano differenze tra i personaggi e le loro situazioni, queste differenze fanno davvero una differenza sufficiente per cambiare le verità sottostanti su disuguaglianza, sfruttamento, oppressione, autoritarismo ecome potrebbe questo distruggerci? Ci troviamo di fronte alla questione se percepire uno come più bello di un altro e se sia giusto giudicarli o se sia giusto scusarne uno.

Il cinema non è solo paziente, è meditativamente lento per la maggior parte del . Le storie vanno alla deriva piuttosto che seguire il percorso narrativo, il ritmo a volte intenzionalmente laborioso e l’audio inospitale per l’espresso scopo di disagio, risultando in un’esperienza invadente e claustrofobica. Il che suona come una recensione, ma non lo è. Sentiamo quello che provano i personaggi, abbiamo un assaggio sensoriale del loro mondo. La colonna sonora a volte stridente di Wojciech Golczewski si aggiunge alla sensibilità retro-predittiva della regressione come futurismo, passato come futuro (si pensi alla musica synth sci-fi e alle combinazioni negli anni ’80).

Moya ottiene prestazioni enormiancore del suo cast e gestisce scatti sorprendentemente belli nonostante la necessariamente minimalista e utilitaristica dell’estetica. E nonostante il surrealismo e la mancanza di specificità delle storie, c’è un’autenticità e una sensazione vissuta negli ambienti, nelle vite e nelle emozioni, che dà la sensazione di essere svegli e di sognare allo stesso .

Undergods è una fantascienza toccante e ipnotica che esamina i nervi scoperti della condizione umana mentre il mondo si sgretola. E se stai cercando una grande doppia caratteristica della narrazione fantascientifica distopica surreale rilevante per i nostri tempi, consiglio vivamente Undergods e The Platform.

hebergementwebs.com

Spread the love

Related posts

By Anam

I'm A Fucking Dreamer man !

Related Posts